Come riprendere il parlato da un pulpito o da un leggio

Audio-Technica propone una gamma di microfoni a collo d’oca con capsula a condensatore che sono ideali per la ripresa della voce da un pulpito o da un leggio. Tutti i modelli offrono un’eccezionale immunità dal feedback e un suono davvero naturale. La finitura nera poco riflettente e il profilo sottile li rendono pressoché invisibili all’interno della chiesa.

Pur avendo caratteristiche sonore simili, i vari microfoni si differenziano per il tipo di montaggio, la lunghezza del flessibile e la direzionalità della ripresa. Gli adattatori permettono un fissaggio su qualsiasi asta microfonica standard, su flange o supporti anti vibrazioni. Alcuni modelli possono essere direttamente collegati ad una presa XLR posizionata sul pulpito. L’alimentazione può essere fornita sia tramite batterie AA che tramite phantom, a seconda del modello. I microfoni che necessitano di alimentazione phantom devono pertanto essere collegati a mixer, finali o registratori che siano in grado di fornire la tensione necessaria. E’ comunque disponibile, nel catalogo di Audio-Technica l’alimentatore AT8801.

il microfono U857ALcW
Per ambienti dove il cavo non deve essere visto oppure in pulpiti e leggii che vengono frequentemente spostati, Audio-Technica propone il microfono a collo d’oca, cardioide, con capsula a condensatore U857ALcW che può essere collegato ad un trasmettitore bodypack, per creare un “leggio senza fili”. L’U857ALcW è stato progettato per operare con il basso voltaggio fornito dal trasmettitore del sistema radiomicrofonico.

Altra soluzione proposta da Audio-Technica è rappresentata dal sistema radiomicrofonico System 10 che prevede una versione costituita da un ricevitore e la base ATW-T1007 con trasmettitore incorporato alla quale è possibile collegare qualsiasi microfono che abbia un connettore XLR.


Nessun commento:

Posta un commento